prima pagina cronaca politica economia calcio tecnologia salute scienza cultura costume spettacolo sport giustizia ambiente cinema e tv turismo meteo rubriche mondo curiosità motori

'Pronti al ricorso' dopo decreto Stati Washington e Minnesota

Trump evoca la Corte Suprema sul bando

Trump evoca la Corte Suprema sul bando

mondo

'Pronti al ricorso' dopo decreto Stati Washington e Minnesota

Trump evoca la Corte Suprema sul bando

    La battaglia per la difesa del bando sull'immigrazione potrebbe arrivare alla Corte Suprema. Lo afferma il presidente americano Donald Trump, impegnandosi a combattere per il decreto contro il quale lo stato di Washington e il Minnesota hanno fatto causa, appoggiati da altri 16 stati e da numerose aziende, inclusa la Silicon Valley.     Aprendo alla possibilita' di portare il bando sull'immigrazione fino alla Corte Suprema, Trump spera di non dover spingersi a tanto. ''Lo porteremo avanti lungo il sistema'' giudiziario, perche' ''e' molto importante per il Paese'' afferma Trump. Secondo il presidente, l'Isis ha detto chiaramente che e' sua intenzione avere terroristi infiltrati negli Stati Uniti attraverso il sistema dell'immigrazione. ''E a noi non e' consentito essere duri con le persone che arrivano? Spiegatemi questa''. A chi gli chiedeva se fosse pronto a portare il caso del bando fino alla Corte Suprema, Trump risponde: ''Mi auguro di non doverlo fare. E' buon senso''. Dal ripristino immediato del bando sugli ingressi negli Stati Uniti dipende la sicurezza nazionale. E' questa la richiesta perentoria che l'amministrazione Trump ha presentato ai giudici della Corte federale d'appello di San Francisco, che dovra' decidere se confermare il blocco del decreto oppure dargli il via libera. Un'udienza e' fissata per stasera, quando verranno ascoltati i legali del Dipartimento di giustizia, che hanno presentato una memoria difensiva del provvedimento, e quelli degli stati di Washington e Minnesota, che hanno intentato la causa contro il divieto. A questi due stati se ne sono aggiunti nelle ultime ore altri 16, tra cui quelli di New York e della California, che hanno presentato un documento contro il bando. Cosi' come prima di loro avevano fatto 97 big del web e della Silicon Valley, oltre 200 ricercatori e docenti universitari e una decina tra ex segretari di stato ed ex responsabili dell'intelligence. La Corte d'appello dovra' decidere in particolare se il presidente Trump ha ecceduto nella sua autorita' e ha violato il primo emendamento della Costituzione americana e la legge sull'immigrazione. Il decreto - sottolineano dal canto loro gli avvocati del dipartimento di Giustizia - "e' legale e rientra nell'esercizio dei poteri concessi al presidente per quel che riguarda sia l'ingresso di stranieri negli Usa sia l'ammissione dei rifugiati". Inoltre - si legge nella memoria difensiva - e' "sbagliato" dire che il provvedimento prende di mira i musulmani. Si tratta invece di un decreto volto a proteggere i cittadini americani da possibili minacce. Una volta che la corte avra' deciso entrambe le parti potranno impugnare la sentenza davanti appunto alla Corte Suprema. Dove pero' il rischio e' quello di uno stallo, non essendo ancora stata confermata in Congresso la nomina del nono giudice costituzionale fatta da Trump. E se il massimo organo giurisdizionale dovesse essere diviso 'quattro contro quattro' resterebbe in vigore la decisione della corte d'appello.    

07/02/17 20:50

ansa

La battaglia per la difesa del bando sull'immigrazione potrebbe arrivare alla Corte Suprema, anche se il presidente spera di non dover arrivare a tanto

Trump pronto ad andare fino alla Corte Suprema sul bando

·Terrorismo, è scontro tra Trump e i media "Nascondiamo attentati? Donald mente" ·Stop ai migranti, 18 Stati si oppongono I big del web schierati contro il presidente - Lista

"Muslim ban", la corte federale d'Appello: "Decideremo il prima possibile"

·Terrorismo, è scontro tra Trump e i media "Nascondiamo attentati? Donald mente" ·Stop ai migranti, 18 Stati si oppongono I big del web schierati contro il presidente - Lista

"Muslim ban", la corte federale d'Appello: "Decideremo il prima possibile"

DeVos all'Istruzione, decisivo il voto di Pence ·Terrorismo, scontro con i media: "Trump mente" · Schiaffo dello Yemen, stop ai raid Usa

"Muslim ban", la corte federale d'Appello: "Decideremo il prima possibile"

·Terrorismo, è scontro tra Trump e i media "Nascondiamo attentati? Donald mente" · Schiaffo dello Yemen, stop ai raid Usa

"Muslim ban", la corte federale d'Appello: "Decideremo il prima possibile"

La decisione del nuovo presidente di censurare il sito dell'Epa per eliminare i riferimenti al cambiamento climatico ha scatenato una protesta senza precedenti. Ci sarà una grande marcia a Washington

Usa, la scienza in marcia contro Trump "Negazionismo climatico minaccia a Terra"

Oggi l'udienza della Corte federale d'appello I big del web schierati contro Trump - La lista

Stop ai migranti, 18 Stati fanno ricorso: "Minaccia a economia e libertà religiosa"

Vittorie per Washington, Atlanta e San Antonio

Nba, vola Golden State, cade Los Angeles

Da oltre un anno lavorava all'ambasciata italiana a Washington

Lo storico capo della Digos torinese Petronzi diventa questore di Vicenza

Da Apple a Google, 100 compagnie hi-tech contro bando Trump

Trump: 16 stati Usa contro bando, anche Ny e California

Amministrazione ha presentato memoria difensiva decreto

Trump: udienza corte d'appello su bando

Chiede a corte appello di fermare disposizione giudice federale

Trump:ricorso dip.Giustizia a stop bando

Poco probabile pronunciamento giudici stasera dopo udienza

Corte,decisione bando Trump in settimana

Il Presidente degli Stati Uniti dovrebbe firmare un decreto che rivedrà la riforma Dodd-Frank, varata dopo il crack di Lehman Brothers per frenare la speculazione delle grandi banche di Wall Street e tutelare maggiormente i consumatori

Trump pronto a 'smantellare' riforma Wall Street

Presentata una memoria difensiva, stasera si riunisce la Corte d'appello federale

Trump: ripristinare bando, in gioco sicurezza nazionale

Lo spagnolo salterà la sfida con il Genoa di venerdì dopo 113 partite consecutive in campionato. Out pure Hysaj: pronti Maggio ed Allandi PASQUALE TINA

Napoli, Giaccherini o Pavoletti: due ipotesi per sostituire Callejon

"Ringraziamo" Donald Trump " ha detto la guida suprema dell'Iran ayatollah Sayyed Ali Khamenei, aggiungendo il popolo risponderà alle sue minacce manifestando

Khamenei, Trump mostra il  'vero volto degli Usa'

Dopo risultati 2016 molto deludenti, solo in parte legati alle manifestazioni contro Trump che hanno bloccato il negozio sulla Quinta Strada, il consiglio licenzia in tronco il neo ad e affida le deleghe ad interim al vecchio capo azienda Michael Kowalskidi SARA BENNEWITZ

Tiffany delude gli investitori: via l'ad

Dopo risultati 2016 molto deludenti, solo in parte legati alle manifestazioni contro Trump che hanno bloccato il negozio sulla Quinta Strada, il consiglio licenzia in tronco il neo ad e affida le deleghe ad interim al vecchio capo azienda Michael Kowalskidi SARA BENNEWITZ

Tiffanny delude gli investitori e licenzia l'ad Cumenal

La guida suprema di Teheran: lui dice 'abbiate paura di me', ma il popolo risponderà. La Corte federale d'appello di San Francisco decide stesera sul Muslim ban, per la Casa Bianca è in gioco la sicurezza nazionale' 

Khamenei attacca Trump: 'Mostra il vero volto Usa'

E' il bilancio ufficiale dell'attentato suicida compiuto in Afghanistan nel parcheggio della Corte Supremal.

Kamikaze a Corte Suprema Kabul, 20 morti e 41 feriti