prima pagina cronaca politica economia calcio tecnologia salute scienza cultura costume spettacolo sport giustizia ambiente cinema e tv turismo meteo rubriche mondo curiosità motori

Ricerca, si abbassa età primo smartphone, ora a 11 anni

Non solo ragazzi, anche adulti inconsapevoli rischi del web

Non solo ragazzi, anche adulti inconsapevoli rischi del web

tecnologia

Ricerca, si abbassa età primo smartphone, ora a 11 anni

Non solo ragazzi, anche adulti inconsapevoli rischi del web

ROMA - Adulti e ragazzi vivono una vita sempre più social, con una media di più di 5 profili a testa, e sono sempre più connessi via smartphone: il 95% degli adulti e il 97% dei ragazzi ne possiede uno, e cominciano sempre più presto. Ma entrambi sono quasi del tutto inconsapevoli delle conseguenze delle loro attività in rete. Sanno che mentre navigano i loro dati vengono registrati (i due terzi sia degli adulti che dei ragazzi) anche se non sanno esattamente quali, se ne dicono preoccupati (l'80% di entrambi), ma hanno ormai interiorizzato l'idea che cedere questi dati sia il giusto prezzo per essere presenti online e accedere ai servizi che interessano (circa il 90% di tutti coloro che consentono a un'app l'accesso ai propri contatti). E' lo scenario che emerge da una ricerca di Ipsos per Save the Children diffusa oggi, alla vigilia del Safer Internet Day. L'indagine rivela che i bambini ricevono il loro primo smartphone a 11 anni e mezzo, età media più bassa di un anno rispetto alla rilevazione dell'anno precedente. Pur di essere presenti online, i minori sono disposti anche a mentire sull'età: mediamente si iscrivono a Facebook a 12 anni e mezzo (un anno in meno del 2015), dichiarando un'età superiore. La condivisione di immagini e video di se stessi o di altri, con riferimenti sessuali o in pose imbarazzanti, rappresenta purtroppo un'attività molto diffusa tra i ragazzi: raccontano infatti che tra i loro amici più di 1 su 5 invia video o immagini intime di se stesso a coetanei e adulti conosciuti in rete, o attiva la webcam per ottenere regali. Quattro su 10, infine, inviano o postano immagini intime di loro conoscenti, più di 1 su 3 invia o riceve messaggi con riferimenti espliciti al sesso, 1 su 5 invia ad amici propri video o foto intime. La ricerca evidenzia che vi è una scarsa cura della propria storia online sia per gli adulti che per i ragazzi, che non prevedono una "manutenzione" costante dei propri profili: circa 9 su 10 non compiono azioni efficaci per proteggere la propria immagine online, come cancellare post passati (solo il 18% dei ragazzi e il 14% degli adulti l'ha fatto almeno una volta), togliere il tag del proprio nome da una foto postata online (lo fa solo il 12% di entrambi) o bloccare qualcuno su Facebook o Whatsapp (lo fa solo il 19% dei ragazzi e il 16% degli adulti). Il 75% degli adulti e il 72% dei ragazzi intervistati crede che non sia mai sicuro condividere online foto e video intimi e riservati e per il 67% dei primi e il 65% dei secondi se un contenuto condiviso con qualcuno dilaga in rete, la responsabilità è di chi lo diffonde. Ma ben l'81% degli adulti e il 73% dei ragazzi pensa che vi sia una sorta di "consenso implicito" alla diffusione, nel momento in cui qualcosa viene condiviso online anche se non con una sola persona. E c'è un 23% degli adulti e un 29% dei ragazzi che sono convinti che sia sempre sicuro condividere foto o video intimi online perché "lo fanno tutti". Quando si tratta di valutare l'attendibilità di una notizia, il 43% dei minori e il 37% degli adulti basa il proprio giudizio sulle condivisioni che quella notizia riceve. Ancora, quasi un ragazzo su 10 accede a giochi online come poker o casinò o altri siti riservati ad adulti. "I risultati che emergono dalla ricerca dimostrano che adulti e ragazzi condividono le stesse conoscenze, gli stessi livelli di consapevolezza delle conseguenze dei loro comportamenti in rete e spesso anche i comportamenti stessi. Si tratta di un dato preoccupante se pensiamo che proprio gli adulti dovrebbero esercitare un ruolo di guida in un contesto complesso e in continua evoluzione, come quello del mondo e delle tecnologie digitali" spiega Raffaela Milano di Save the Children.    

08/02/17 06:50

ansa

Le Metamorfosi di Ovidio rivivono su tablet e smartphone

Su un'app i Mostri della mitologia

Sarebbe stato un consigliere comunale uscente ad autenticare le 9 candidature 'inconsapevoli'

Candidati a loro insaputa: un indagato a Napoli

Smartphone, siti cantine validi strumenti per info in più lingue

Federvini, valori nutrizionali su web, no su etichetta vino

A 6,1 miliardi dlr con microchip e smartphone, vendite stabili

Samsung: utili trimestre doppi nonostante Galaxy Note 7

L'autorimessa si prenota e si paga con un tap sullo smartphone

Arriva Parkey, l'app per trovare parcheggio

Popolazioni in declino in 3 specie su 4, la maggioranza di gorilla, lemuri, oranghi e gibboni rischia di sparire

L'allarme: agricoltura, clima e malattie oltre la metà dei primati a rischio estinzione

'Non stiamo pensando di abbassare limite età, resta 13 anni'

Facebook Italia, sicurezza Internet è la priorità

Sui camion il Gps, Dolce: "Solo localizzazione di mezzi e cassonetti per migliorare il servizio". Giordano (Fit Cisl): "Nascondono rischio fallimento dell'azienda"

Controllo via satellite sugli spazzini Caccia a fannulloni ma insorgono i sindacati

Dai dati della ricerca emerge l'immagine di ragazzi molto poco consapevoli

Cyberbullismo: per 8 ragazzi su 10 non è grave insultare in rete

Monitorate 2.500 persone per 11 anni, fa anche perdere peso

Salute: con dieta mediterranea -47% rischio malattie cuore

Ricerca Ue Goodyear, ecco le richieste dei ragazzi

Per giovani 15-35 anni auto è di proprietà ma ecologica

I risultati di uno studio europeo che dimostra come la ricerca può superare la resistenza al cambiamento riducendo il fenomeno. In Italia la situazione migliora con un incremento di quasi il 14% di parti spontanei tra le donne che avevano già avuto un taglio cesareo  

In Europa ogni anno almeno 160mila cesarei non necessari

Per acquistare casa in Italia servono 6,3 anni di stipendio. E' ciò che emerge dalla ricerca effettuata ...

Casa: servono circa 6 anni di stipendio per l'acquisto

All'età di 102 anni, fondò a Corato pastificio 'Granoro'

Morto pioniere pasta Attilio Mastromauro

Alemanno lancia il Polo sovranista con Storace: "Siamo di destra e lontani da Forza Italia"

Non solo Berlusconi, Salvini e Meloni foto Centrodestra diviso: la galassia dei partiti

Giocatore Napoli all'Oratorio Giovanni Paolo II

Diawara incontra ragazzi Junior Tim Cup

Vertice all'Ars. Il deputato Alloro attacca: "Non può imporci il testo e fare un altro movimento politico". Il presidente lancia stoccate a Faraone: "C'è chi si autocandida in maniera tirannica fuori dai percorsi del partito" 

Tensione tra il Pd e il governatore Crocetta: "Io legittimato a ricandidarmi" Elezioni, rebus date tra G7 e Politiche

L'intervista. Dal 2014, Chris Mattmann fa parte di uno dei gruppi di studio all'opera su Memex. programma finanziato dalla Difesa Usa. Obiettivo: un motore di ricerca il web invisibile ai più di ROSITA RIJTANO

"Io, scienziato della Nasa farò un browser per cercare anche nel web nascosto"

Imbarazzo per elusioni fiscali e commenti contro la regina

Gb, l'ora del Beckhamgate: hackerate le sue email

Allarme per le nuove minacce alle infrastrutture. Il caso Ucraina e i pericoli per il sistema italiano · Video "Presto milioni di posti di lavoro" · Video "Fondamentale condividere informazioni"

Dal maltempo al rischio cyberattacchi: la rete elettrica alla prova sicurezza

E' un lavoratore di 41 anni della centrale nucleare colpita

Fukushima, primo caso tumore causato da radiazioni