prima pagina cronaca politica economia calcio tecnologia salute scienza cultura costume spettacolo sport giustizia ambiente cinema e tv turismo meteo rubriche mondo curiosità motori

Le parolacce? ''Segnale di onestà''. Dal vivo o sui social, per gli altri dici la verità

Le parolacce? ''Segnale di onestà''. Dal vivo o sui social, per gli altri dici la verità

tecnologia

Un'indagine internazionale racconta i cambiamenti sociali attraverso l'interpretazione della volgarità: "Se non si filtra il proprio linguaggio non si filtrano le idee". Ma l'esperto avverte: "Bene l'approccio comune ma senza scadere nella deriva offensiva"

Le parolacce? ''Segnale di onestà''. Dal vivo o sui social, per gli altri dici la verità

DAVVERO chi dice più parolacce appare più onesto? Sembrerebbe di sì. Stando almeno a una ricerca congiunta di studiosi provenienti da Stati Uniti, Gran Bretagna, Paesi Bassi e Hong Kong e pubblicata sulla rivista Social Psychological and Personality Science. Il linguaggio osceno e scurrile viene in qualche modo riabilitato o almeno analizzato – anche attraverso una corposa analisi su migliaia di post pubblicati su Facebook – per capire l’effetto positivo e il cambiamento dei costumi nel corso dei decenni. D'altronde non siamo più ai tempi in cui una battuta come ''Francamente, mia cara, me ne infischio'', quella pronunciata da Clark Gable/Rhett Butler nei confronti di Vivien Leigh/Scarlett O'Hara in Via col vento, poteva costare 5mila dollari di multa ai produttori. Era il 1939.   Donald Trump, 10 insulti su Twitter Secondo David Stillwell, ricercatore in big data analytic all’università di Cambridge e coautore dello studio, ''la relazione fra linguaggio volgare e disonestà è complesso. Imprecare è spesso fuori luogo ma può anche costituire l’evidenza che qualcuno ti stia comunicando la sua opinione reale. Dal momento che una persona non sta filtrando il proprio linguaggio per essere più gradevole potrebbe voler dire che non sta filtrando neanche i suoi punti di vista''. Per provarlo i ricercatori, che hanno simpaticamente battezzato lo studio ''Francamente ce ne importa: la relazione fra volgarità e onestà'', hanno realizzato tre tipi diversi di test.   Nel primo hanno sottoposto a 276 partecipanti statunitensi un questionario, domandando loro di elencare le parolacce più frequenti, insomma le preferite e più utilizzate. Ma di spiegare anche le ragioni e le situazioni in cui sfoderano di solito quei termini. Nel secondo hanno messo in scena una sorta di esperimento teatrale per far loro determinare se qualcuno fosse davvero onesto o stesse rispondendo in modo socialmente corretto ma probabilmente falso. A quanto pare, quelli che nella prima lista avevano elencato più termini volgari sono risultati essere quelli all’apparenza più onesti. Nel terzo esperimento, invece, Stillwell insieme a Gilad Feldman, Huiwen Lian e Michal Kosinski hanno messo sotto la lente i dati da 75mila profili Facebook per valutare l’uso delle parolacce nelle interazioni sociali con gli ''amici''. Insomma, nei post e nei commenti. Bene, secondo l'analisi gli utenti che usano un vocabolario più volgare sono anche quelli i cui schemi linguistici rientrano, in base ai risultati di uno studio ancora precedente, nel territorio dell’onestà. Quantomeno, dell’onestà percepita. Ad esempio utilizzano più spesso i pronomi personali ''io'' e ''me'', evidentemente concentrando sulla propria persona il peso di ciò che dicono.   Non è un caso che una ricerca simile arrivi proprio all’indomani del giuramento del nuovo presidente Donald Trump, che da candidato non ha certo lesinato l’uso di parole ingiuriose e di termini volgari. Stando ai risultati dei ricercatori, una dose di volgarità potrebbe dunque tornare utile anche nella comunicazione politica, magari solo a certi profili, visto che le persone tendono ad assegnare un ingiustificato grado di verità a chi le pronuncia. Anche in Italia se ne hanno quotidianamente testimonianze più che deplorevoli.   ''Chi ‘parla come mangia’ spesso viene avvertito come genuino, naturale, senza costruzioni – spiega a Repubblica lo psicologo milanese Luca Mazzucchelli, vicepresidente dell’Ordine degli psicologi della Lombardia – per questo arriva in modo diverso all'attenzione dell’ascoltatore. In parte è legato al fatto che l’irriverenza comunicativa prende sempre in contropiede e ‘buca’ la nostra attenzione, in parte è anche vero che si rivolge alla nostra parte più grezza, senza sovrastrutture, vera''.   Il punto, spiega l'esperto, è che il linguaggio è il primo passo per fare breccia nell'attenzione di chi ci ascolta: ''Riuscire a comunicare utilizzando il linguaggio del nostro interlocutore è certo importante – aggiunge Mazzucchelli – ma lo è ancora di più quando riusciamo a entrare nella sua mente, a usare il linguaggio che l’altro magari non esplicita ma coltiva dentro di se: la lingua dei suoi pensieri. E spesso, quando parliamo con noi stessi, siamo molto più ‘sbottonati’ che se lo facciamo pubblicamente''. Imprecare dunque come via elettiva e tristemente inevitabile per una comunicazione efficace? ''Credo che la vera sfida stia nell’usare un linguaggio comune ma senza scadere nella deriva volgare e offensiva, partire sì dal linguaggio dell’uomo della strada per catturare la sua attenzione ma poi arricchirlo con nuovi spunti e nuove parole. Aiutare le persone a crescere è ciò che ripaga più di tutto, anche in ambito comunicativo''.

07/02/17 06:21

repubblica

Secondo alcune voci il servizio di Facebook starebbe pensando di dare la possibilità di controllare la localizzazione di altri in tempo reale

E' polemica sulla presunta funzione di WhatsApp per tracciare le persone

Ai musei Capitolini la mostra “Dall’agro Vaticano a via della Conciliazione” racconta i cambiamenti dell'area attorno a San Pietro. Tra crisi, resurrezioni e rivoluzioni urbanistiche di VALENTINA BERNABEI

Dalla Spina ai giorni nostri Roma, metamorfosi del Borgo

Rassegna internazionale ortofrutta dal 23 al 25 settembre Rimini

Macfrut, obiettivo 1.000 espositori, 40.000 presenze

L'appuntamento internazionale è fissato l'11 e 12 aprile prossimi durante Cibus Connect alla Fiera di Parma

Alimentare, a Parma l'assemblea europea delle Dop e Igp

Uno studio internazionale ha individuato una correlazione tra forma del cervello e carattere

"La corteccia cerebrale legata ai tratti della personalità"

L'iniziativa dell'Istituto superiore di sanità con un linguaggio più comprensibile a chi naviga su internet per fare informazione corretta di ELVIRA NASELLI

Bufale e salute, un decalogo on line e un sito per contrastarle

Gli astronomi osservano moltissimi ammassi stellari che muoiono troppo rapidamente. Uno strano fenomeno che ora ha una spiegazione di MASSIMILIANO RAZZANO

Come muoiono le galassie foto nuove ipotesi per il 'giallo del cosmo'

dalla nostra corrispondente ROSALBA CASTELLETTI

Atletica: niente Mondiali per la Russia, la Iaaf conferma la sospensione

La conferma anche dal Noaa. La temperatura si è attestata a 1,1 gradi centigradi in più del XIX secolo

Riscaldamento globale,  2016 da record Nasa: 'L'anno più caldo mai registrato' video

Interruzioni di attività, cambiamenti nei mercati e rischi informatici sono, a livello globale, i rischi più ...

Allianz Risk Barometer 2017: per le imprese in Italia sale il timore di disastri naturali

Arrivano i primi dati della missione: dopo un anno in orbita con la stazione internazionale il Dna di Scott Kelly ha subito variazioni

I gemelli spaziali non sono più identici il codice genetico di Scott si è modificato

Nomina parte piano di rinnovamento e espansione internazionale

Simona Clemenza nominata Ceo di Krizia

In Italia le malattie psichiatriche colpiscono 1,8 milioni di persone. L'inserimento sociale come terapia. In crescita i problemi psichiatrici gravi fra i ragazzi anche per un eccessivo consumo di cannabis. In aumento i pazienti immigrati di VALERIA PINI

Depressione, non solo farmaci Anche gli altri aiutano a guarire

Impatto cambiamenti climatici su economia carioca entro 2040

Spiagge di Rio minacciate dal riscaldamento globale

Settore in crisi identità, non riesce ad agganciare cambiamenti

Esce 'ManiFashion' di Michele Ciavarella

Attraverso una partnership paritetica

Granarolo e Coldiretti in Centrale del latte di Brescia

Sempre più avvocati, medici e altri professionisti cercano di tutelarsi in Italia e le assicurazioni legate alla ...

Assicurazioni professionali: aumentano le richieste soprattutto da avvocati, medici e architetti

Due giorni di incontro con le realtà e i partner di Libera in Europa per strutturare un percorso congiunto nello scambio di buone pratiche e promozione di progettualità comuni al fine di rafforzare l'informazione, la prevenzione e la lotta al fenomeno delle mafie e della criminalità organizzata in Europa, perchè anche l'antimafia sociale deve essere internazionale per combattere le disuguaglianze provocate dalla criminalità organizzata.

Rete 'Libera' lancia antimafia internazionale

Aiuta cervello e sistema cardiovascolare. I risultati di uno studio dell'università di Edimburgo confermano il ruolo di questo tipo di alimentazione per proteggerci dalle patologie neurodegenerative, ma anche da altri problemi che minacciano la salute soprattutto con l'età di IRMA D'ARIA

Dieta mediterranea, l'elisir di lunga vita che ci protegge

Attraverso la iZilove Foundation, sosterrà '#IoAdottoUnCampione'

Snai sostiene Special Olympics Italia