prima pagina cronaca politica economia calcio tecnologia salute scienza cultura costume spettacolo sport giustizia ambiente cinema e tv turismo meteo rubriche mondo curiosità motori

I nuovi potenti e l'informazione

I nuovi potenti e l'informazione

tecnologia

I nuovi potenti e l'informazione

IL POTERE attacca l’informazione quando è in difficoltà, quando la vive come un intralcio alla sua azione o alla sua narrazione. Succede da sempre, ma oggi i nuovi potenti, che amano comunicare direttamente con i cittadini senza fastidiose mediazioni e senza il rischio di fastidiose domande, sono più radicali e cercano di risolvere il problema all’origine: delegittimare i giornalisti. I nuovi potenti amano raffigurarsi come outsider, si chiamino Trump o Grillo, come freschi e genuini rappresentanti del popolo a cui giornalisti e giudici cercano invece di mettere i bastoni tra le ruote. Nel caso italiano la polemica contro i magistrati ancora non c’è ma è solo questione di tempo. Il Movimento non governa ancora il Paese ma ha già conquistato la sua capitale e ha capito che nella strada verso Palazzo Chigi l’informazione può essere un ostacolo. Questi nuovi potenti, che hanno costruito le loro fortune sulla critica radicale di ogni establishment e sulla promessa di trasparenza, dovrebbero essere abituati alla dialettica, dovrebbero accettare il confronto, invece appaiono, se possibile, più segreti e opachi dei loro predecessori. Guardate Trump, un uomo che manipola la comunicazione e squalifica chiunque metta in evidenza incongruenze e bestialità, siano essi i giudici o i giornali, arrivando ad accusarli di una sorta di complicità col terrorismo per cercare di silenziarli. Lo ha fatto fin dall’inizio della sua presidenza, indicando l’informazione come la vera opposizione, non per riconoscerne la funzione di cane da guardia del potere bensì per additarla come nemico. Lo stesso nemico che due settimane fa Alessandro Di Battista ha indicato agli ambulanti che manifestavano di fronte a Montecitorio, ottenendone come risultato grida in cui si prometteva di ammazzare quei servi maledetti che sono i giornalisti. M5s, Di Battista arringa gli ambulanti contro la stampa. E loro: "Servi, bastardi, li ammazziamo" Condividi   Guardate Grillo: mai una conferenza stampa, mai un confronto, mai risposte limpide e chiare alle domande. Solo post sul blog, su Twitter e su Facebook in cui dispensa insulti e contumelie verso tutti coloro che disturbano il nuovo manovratore. Nessuno ha accesso alla Casaleggio, nessuno può chiedere conto di come si formino i processi decisionali (dalla nascita della giunta Raggi alla decisione, poi abortita, di lasciare Farage in Europa) e nessuno ottiene risposte se si permette di chiedere. Ieri sera Luigi Di Maio ha accusato giornali e giornalisti di aver orchestrato una campagna diffamatoria contro Virginia Raggi, di cui non si raccontano invece i successi. Si tratta dello stesso vicepresidente della Camera che per settimane la scorsa estate ha negato e tenuto nascosta la notizia dell’inchiesta sull’ex assessora Muraro. Nel merito delle accuse, ma soprattutto nel merito delle omissioni, entra con grande precisione Carlo Bonini all’interno del giornale, ma c’è qualcosa che continua a non tornare: perché il Movimento non fa chiarezza una volta per tutte sulle opacità e sugli inquietanti interrogativi di un gruppo di potere che ha circondato la sindaca di Roma accompagnandone l’ascesa e le prime mosse? Perché non indica nei dettagli idee e programmi? Ma soprattutto perché i grillini non imparano ad accettare che la conquista del potere porta ad un necessario cambio di status: da controllori a controllati o perlomeno controllabili? Non si può pensare di avere una delega in bianco soltanto perché si arriva da fuori, soltanto perché si è giovani e nuovi. Non basta. Il giornalismo italiano non gode di ottima salute e il nostro sistema di informazione paga un deficit di credibilità e fiducia. Lo sappiamo e ci sforziamo ogni giorno di migliorare per colmarlo. Quando Grillo rappresenta elegantemente questo giornale come un rotolo di carta igienica indica la fine che ci augura. Ci preferirebbe addomesticati, come si è sempre illusa di fare la politica, ridotti a cantori, intenti a raccontare le magnifiche sorti di una città come Roma che dovrebbe rinascere e invece è abbandonata a se stessa. Anche se forse converrebbe metterci dove tira il vento e non di traverso, continueremo a formulare domande ad alta voce, a pretendere risposte e a fare denunce. Lo abbiamo fatto con la Dc e i socialisti, con Berlusconi come con tutte le sigle dell’ex Pci fino all’odierno Pd, di cui abbiamo raccontato scandali e reclamato più volte dimissioni e passi indietro. E non ci battiamo per conto di qualcuno, ma solo per i nostri lettori e per i cittadini, che meritano di vivere con gli occhi aperti. Perché ogni volta che un potente, anche se nuovo di zecca, attacca ferocemente chi lo critica, allora bisogna preoccuparsi e non abbassare la testa.

08/02/17 06:20

repubblica

Colossi fanno squadra con giornalisti contro la disinformazione

Francia, Google e Facebook contro 'fake news' in vista elezioni

L'iniziativa dell'Istituto superiore di sanità con un linguaggio più comprensibile a chi naviga su internet per fare informazione corretta di ELVIRA NASELLI

Bufale e salute, un decalogo on line e un sito per contrastarle

Il pg contro l'obbligo di informare le gerarchie: "In alcuni casi potrà essere vietato per tutelare le indagini"

Saluzzo alla polizia giudiziaria: "Segreto istruttorio, non date notizie ai superiori"

Per nascondere tweet e prevenire nuovi account utenti aggressivi

Twitter, nuovi strumenti contro l'odio

Internet e Social. Twitter amplia la sfida agli abusi e alle incitazioni all'odio. La società che cinguetta annuncia nuove misure per combattere il fenomeno, per il quale è stata fortemente criticata.

Twitter, nuovi strumenti contro l'odio e gli abusi online

· L'editoriale Calabresi: i nuovi potenti e l'informazione. · I nostri articoli 'sotto accusa' Segreti e ricatti / Cade pedina · Raggi indagata con Romeo su nomina suo ex capo segreteria di  CARLO BONINI, CECILIA GENTILE, GIOVANNA VITALE

M5s, Di Maio contro i cronisti del caso nomine. Ma su Marra e polizze vita non dà risposte

· L'editoriale Calabresi: i nuovi potenti e l'informazione. · I nostri articoli 'sotto accusa' Segreti e ricatti / Cade pedina · Raggi indagata con Romeo su nomina suo ex capo segreteria di  CARLO BONINI, CECILIA GENTILE, GIOVANNA VITALE

M5s, Di Maio contro i cronisti del caso nomine. Ma su Marra e polizze non dà risposte

Aperta la strada grazie a un mix di nuovi materiali

Super batteria per auto elettriche, autonomia si moltiplica

Realizzate 171 cabine elettriche, 12 cabine di trasformazione, due nuovi centri satellite

Palermo, rinnovata la rete elettrica piano da 8,5 milioni di euro

I mutui richiesti in Italia nel semestre maggio-ottobre sono sempre più spesso nuovi finanziamenti e le surroghe ...

Mutui: continuano a diminuire le surroghe, -19,8% nel semestre

Ogni anno 14 milioni di nuovi casi. Colpa del mondo che invecchia. Di grassi e veleni. La soluzione però c’è: diagnosi precoce. Parola dell’Oms di DANIELA MINERVA

"Tumori, è un'epidemia globale ma sappiamo come batterla"

Ogni anno 14 milioni di nuovi casi. Colpa del mondo che invecchia. Di grassi e veleni. La soluzione però c’è: diagnosi precoce. Parola dell’Oms di DANIELA MINERVA

"Tumori, è un'epidemia globale ma sappiamo come batterla"

Presto arriveranno 500 nuovi furgoncini per ristoro ecologici

Svolta verde per i 'food truck' di New York

Giornalisti e calciatori scendono in campo a sostengo di #ZeroEpatiteC, campagna per richiamare l'attenzione sull'epatite C, malattia oggi curabile grazie all'arrivo dei nuovi, ma costosi, farmaci di ANNALISA BONFRANCESCHI

#ZeroEpatiteC, i calciatori scendono in campo contro l'epatite C

Avanzano nuovi farmaci, capostipite Ruxolinitib atteso in Italia

Salute: policitemia vera, malattia rara da 1.000 casi anno

La neve impedisce di installare nuovi sismometri

Terremoto, le prime immagini dei satelliti 'molto poco definite'

Voglia di tenerezza e nuovi toni,sciarpa con maniche e shearling

I neo classici di Giorgio Armani

Due giorni di incontro con le realtà e i partner di Libera in Europa per strutturare un percorso congiunto nello scambio di buone pratiche e promozione di progettualità comuni al fine di rafforzare l'informazione, la prevenzione e la lotta al fenomeno delle mafie e della criminalità organizzata in Europa, perchè anche l'antimafia sociale deve essere internazionale per combattere le disuguaglianze provocate dalla criminalità organizzata.

Rete 'Libera' lancia antimafia internazionale

Nel manuale di Ruben Razzante tutte le ultime novità normative

Il diritto di informazione ai tempi del web

MSC Crociere sbarca nel Mare dei Caraibi, con l'apertura di un nuovo homeport a L'Avana, per la stagione invernale 2015-2016

Turismo, Msc Crociere lancia nuovi itinerari da L'Avana

Lavori di manutenzione fino al 28 febbraio. L'utilizzo della vasca interna viene riorganizzato

Piscina Comunale: chiude la vasca scoperta rivoluzione nei turni, ecco i nuovi orari