prima pagina cronaca politica economia calcio tecnologia salute scienza cultura costume spettacolo sport giustizia ambiente cinema e tv turismo meteo rubriche mondo curiosità motori

Giornata infinita di proteste, la delibera respinta con 19 voti contrari, attesa  per oggi una decisione del sindaco

Doria a un passo dalle dimissioni, la giunta affonda su Amiu-Iren Foto

Doria a un passo dalle dimissioni, la giunta affonda su Amiu-Iren Foto

locali

La delibera respinta con 19 voti contrari, attesa  per oggi una decisione

Genova, bocciata Amiu-Iren, il sindaco a un passo dalle dimissioni

ALLA FINE di una giornata infinita, i lavoratori festeggiano sugli spalti. In aula perde un pezzo sostanzioso della maggioranza di centrosinistra, ma poco importa: la rottura, ennesima, tra mondo del lavoro e sinistra si consuma in questa scena andata in onda in Sala Rossa, tra le facce sgomente del sindaco e della giunta. E adesso? Non si sa, Marco Doria prende tempo dopo una lunga riunione in tarda serata. Potrebbe dimettersi oppure no: «È impegnato a valutare gli scenari che si sono aperti per la città». L’eventuale annuncio di addio potrebbe arrivare oggi, quindi. Un martedì che sembrava non concludersi mai, dicevamo; la fusione tra Amiu e Iren era una pratica che sulla carta doveva chiudersi a fine mattinata e che invece si è protratta a lungo. Con pause a ripetizione, riunioni, richieste di chiarimento, emendamenti, controriunioni. Giornata vissuta a Palazzo Tursi ma con un occhio a quello della Regione, dove — era il dilemma — si aspettava un pronunciamento di Giovanni Toti. Ovvero: cosa farà il centrodestra? “Salverà” Marco Doria? La risposta arriva esattamente alle 19,46. Il centrodestra non butta la ciambella in mare e manda sotto la risicatissima maggioranza a sostegno del sindaco. Troppo ghiotta l’occasione, meglio una gallina oggi che un uovo domani: meglio affossare definitivamente un’amministrazione in difficoltà adesso, anche a costo di ritrovarsi (eventualmente) la patata bollente domani. Alla fine della conta il risultato è di 14 favorevoli, 19 contrari e 6 astenuti. Uno scossone per la giunta. Con un mandante politico chiaro: il governatore ligure, che di fatto dopo mille indecisioni ha consigliato ai suoi di far saltare una privatizzazione che comunque sia rientrava (o rientrerà) nei piani del centrodestra. «Non avete bisogno del nostro sgambetto per cadere», ironizzava Toti su Facebook parlando del Pd prima dell’ora x. E invece sì, serviva lo sgambetto e c’è stato. Il leghista Alessio Piana e i consiglieri del (fu) Pdl non si sono tirati indietro e hanno votato no. Eppure le cose sembravano andare per il verso giusto quando, all’inizio delle dichiarazioni di voto finali, prende la parola Enrico Musso, leader del centrodestra in Consiglio: «Oggi è successa una cosa importante. Sono stati approvati tre emendamenti presentati dal nostro gruppo, i quali stravolgono in meglio la delibera; pertanto non voterò contro e mi asterrò». Insomma, un pezzo di opposizione di destra arriva in soccorso. «Ci sono dei traditori che prima contestano la giunta sui giornali e poi la soccorrono, uscendo dall’aula — la risposta durissima del Cinque Stelle Andrea Boccaccio — Oggi con il nostro voto negativo vogliamo punirvi per la vostra incoerenza, a maggio alle elezioni non vi renderemo l’onore delle armi perché i traditori meritano l’infamia». Qualcuno rumoreggia, ma il grosso dell’aula (vedi il pubblico sugli spalti) applaude. Il Pd invece ha sostenuto convintamente il provvedimento: «È una buona delibera, anche se tardiva», ragionava Simone Farello. Che poi contrattaccava: «C’è chi vota “no” non sul merito ma per pregiudizio, e infatti già dice che se dovesse governare privatizzerà ancora di più e peggio. Mentre c’è una sinistra che aspetta il sol dell’avvenire, che invece non arriverà mai». Un voto di “responsabilità”, «sapendo che perderemo consenso. Ma chi oggi voterà no domani dovrà comunque rispondere del dato di realtà che si troverà di fronte». A fare quadrato da sinistra anche Enrico Pignone (Lista Doria), consigliere delegato all’Ambiente della Città metropolitana: «Perché Iren? Preferisco avere a che fare con un’azienda che posso controllare mettendo nel cda alcuni miei rappresentanti. Così posso valutare la qualità del servizio chiedendo costi minori».  

08/02/17 08:20

repubblica

In consiglio comunale la votazione si è conclusa con 14 voti a favore e 19 contrari, Doria a un passo dalle dimissioni

Amiu-Iren, bocciata la delibera, a pezzi la maggioranza di Tursi Foto

Genova, a pezzi la maggioranza Foto Protesta lavoratori Amiu

Per Doria ipotesi dimissioni: bocciata la delibera su privatizzazione Amiu

I promotori condannati a pagare le sue spese legali

I giudici: "Sala candidabile ed eleggibile" respinti i ricorsi contro il sindaco

Promotori delle cause condannati a pagare le spese legali al sindaco

Milano, il tribunale respinge i ricorsi contro Sala: "Era candidabile ed eleggibile"

Chiesti chiarimenti a breve sulle dimissioni

Sogin: cda revoca parte delle deleghe all'ad Casale

Il governo lima la lettera di risposta ai rilievi europei sui conti pubblici. Si riunisce direttivo Bce. da Fed attesa decisione su tassi

Ue, oggi risposta Italia a Bruxelles. Gentiloni riceve Tusk

La firma è attesa per oggi

Pronta alleanza Enel Gp e F2i nel solare

Costruiti su terreni privati palestinesi in Cisgiordania. 60 voti a favore, 52 contrari alla Knesset

Israele approva la legge che regolarizza gli  insediamenti

La sindaca firmò la delibera che determinò la promozione dell'ex capo della segreteria politica, al quale fu triplicato lo stipendio. L'atto non fu sottoposto al vaglio del Gabinetto

Raggi indagata con Romeo, firmò delibera della nomina

La sindaca Virginia Raggi firmò la delibera che il nove agosto determinò la promozione di Salvatore Romeo. Per questo ora è indagata in concorso con il suo ex capo della segreteria politica. A Romeo, inoltre, fu triplicato lo stipendio.

Raggi indagata con Romeo, firmò delibera nomina

Quasi la metà degli acquirenti una casa oggi in Italia è single. E' ciò che emerge dai dati raccolti da Tecnocasa: ...

Immobiliare: il 45,8% di chi acquista una casa è single

Il sindaco intervistato in diretta su napoli.repubblica.it. da Conchita Sannino  Rep Tv Live

De Magistris: "Il Pd si fa male da solo"  

Oltre 7 milioni e mezzo di Like per la sua foto in dolce attesa

Beyoncé incinta, record post Instagram

La decisione del nuovo presidente di censurare il sito dell'Epa per eliminare i riferimenti al cambiamento climatico ha scatenato una protesta senza precedenti. Ci sarà una grande marcia a Washington

Usa, la scienza in marcia contro Trump "Negazionismo climatico minaccia a Terra"

La decisione definitiva in febbraio

Nel 2020 un rover della Nasa su Marte in cerca di vita

M5s attacca la decisione. Soddisfatta Forza Italia

Esame legge elettorale dopo le motivazioni della Consulta

Misure rimandate dopo le proteste Le reazioni. Gli artigiani: no ai blocchi

Emergenza smog: salta la stretta sui diesel, pausa di riflessione per la giunta Appendino

La decisione è stata presa al termine della riunione tenuta al Viminale

Olimpico, verso il superamento delle barriere nelle curve

Sindaco città, no Ucina a governo incomprensibile

Nautica: Doria, non possiamo perdere finanziamenti Genova

Apprezzata da molti italiani per trattare lombalgie, cefalee, reflusso gastroesofageo e sindrome del colon irritabile, si rivela utile anche in pediatria e per trattare il dolore in gravidanza di PAOLA EMILIA CICERONE

Osteopatia, una scelta per 10 milioni di italiani Ma c'è ancora attesa per un riconoscimento

Apprezzata da molti italiani per trattare lombalgie, cefalee, reflusso gastroesofageo e sindrome del colon irritabile, si rivela utile anche in pediatria e per trattare il dolore in gravidanza di PAOLA EMILIA CICERONE

Osteopatia, una scelta per 10 milioni di italiani Ma c'è ancora attesa per un riconoscimento

Incontro tra Comune e As Roma. Il vicesindaco "Costruttivo, siamo soddisfatti". Raggi assente Totti: "Brindisi con la sindaca dopo la firma"

Stadio Roma, Bergamo: "Ottimista" video Berdini ai costruttori: "No alla roulette"

La band era attesa sabato nella serata conclusiva a Sanremo

Suicida Petrullo dei Ladri Carrozzelle