prima pagina cronaca politica economia calcio tecnologia salute scienza cultura costume spettacolo sport giustizia ambiente cinema e tv turismo meteo rubriche mondo curiosità motori

Dai dati della ricerca emerge l'immagine di ragazzi molto poco consapevoli

Cyberbullismo: per 8 ragazzi su 10 non è grave insultare in rete

Cyberbullismo: per 8 ragazzi su 10 non è grave insultare in rete

politica

Preoccupanti i dati di una ricerca, emerge l'immagine di ragazzi molto poco consapevoli

Cyberbullismo: per 8 ragazzi su 10 non è grave insultare in rete

   Per 8 ragazzi su 10 non è grave insultare, ridicolizzare o rivolgere frasi aggressive sui social si può. Gli attacchi verbali in rete non sono considerati gravi perché non vi è violenza fisica. La maggior parte, 7 su 10, prende di mira l'aspetto fisico, l'abbigliamento e i comportamenti della vittima, convinti che il malcapitato non avrà alcuna conseguenza dagli attacchi. Sono sempre 7 su 10 quelli che non giudicano grave pubblicare immagini non autorizzate che ritraggono la vittima. LA DIRETTA STREAMING       Questa la fotografia del cyberbullismo come emerge dalla ricerca dell'Università la Sapienza presentata in occasione del via al progetto "Giovani ambasciatori contro il bullismo e il cyberbullismo per un web sicuro", organizzato dal Moige con la Polizia di Stato, insieme alla Fondazione Vodafone Italia e Trend Micro per un uso responsabile della rete.      Dai dati della ricerca emerge l'immagine di ragazzi molto poco consapevoli delle regole della rete, degli effetti di comportamenti aggressivi, dell'impatto sulla vittima, di quanti possono accedere e per quanto tempo a tali materiali.     La ricerca, condotta su 1.500 ragazzi delle Scuole Secondarie di primo e secondo grado, rileva un generale atteggiamento di sottovalutazione degli effetti dei comportamenti in rete. L'82% non considera grave insultare, ridicolizzare o rivolgere frasi aggressive sui social. L'86% ritiene che le conseguenze per la vittima non siano gravi e che, considerato che non si dà luogo a violenza fisica diretta, l'atto aggressivo verbale può essere considerato non grave e irrilevante.     Il 76% dichiara che insulti o frasi aggressive riguardano l'aspetto fisico, l'abbigliamento, i comportamenti. Il 71% dichiara che la vittima non avrà alcuna conseguenza dagli attacchi. Il 68% dichiara che non è grave pubblicare immagini, senza autorizzazione, che ritraggono la vittima. Gli insulti ripetuti o la pubblicazione di immagini lesive sono ritenuti leciti perché ritenuti circoscritti ad un ristretto numero di persone che ne avrebbero accesso.     I temi sui quali le condotte aggressive si concentrano riguardano: l'aspetto fisico, comportamenti di chiusura, di timidezza, elementi di non aggregazione a gruppi forti, l'abbigliamento, la scarsa disinvoltura, la carenza di coraggio, la non propensione verso le trasgressioni, aspetti che riguardano la religione, condotte aderenti alle regole, dipendenza da genitori, il "mostrarsi paurosi". Inoltre: le condotte definite "da bambino", non da giovane "Smart" sono particolarmente ridicolizzate. I meccanismi dell'aggressione in rete evidenziano la particolare insistenza ed il compiacimento nell'esporre la vittima, accanto ad una assenza di empatia e di incapacità di percepire conseguenze ed effetti: sembra che il mondo virtuale si configuri come caratterizzato dalla possibilità di conferire liceità ad ogni comportamento.     Il progetto di prevenzione, che prende il via oggi, 'Giovani ambasciatori contro il bullismo e il cyberbullismo per un web sicuro' coinvolgerà 40.405 studenti e più di 80.000 tra docenti e genitori, presenti in 114 scuole medie di 15 regioni. Con attività educational interattive, materiali didattici e open day sarà promossa una maggiore consapevolezza delle problematiche legate all'utilizzo improprio del web. L'azione di sensibilizzazione e di prevenzione si realizzerà attraverso interventi formativi e informativi: tra cui piattaforma educativa, kit didattico, App.

07/02/17 20:50

ansa

Sarebbe stato un consigliere comunale uscente ad autenticare le 9 candidature 'inconsapevoli'

Candidati a loro insaputa: un indagato a Napoli

Consapevoli della trasformazione da cibo crudo a cotto

Scimpanzé abili in cucina, studio rivela capacità cognitive

Ricerca, si abbassa età primo smartphone, ora a 11 anni

Non solo ragazzi, anche adulti inconsapevoli rischi del web

Ricerca Ue Goodyear, ecco le richieste dei ragazzi

Per giovani 15-35 anni auto è di proprietà ma ecologica

Ricerca Microsoft per Internet Safer Day presentata a Roma

Cyberbullismo, il 58% dei giovani ha incontrato autore minaccia online

Internet e Social. Ricerca Microsoft per Internet Safer Day presentata a Roma

Cyberbullismo, il 58% dei giovani ha incontrato autore minaccia online

Abusi su una ragazzina quattordicenne da parte del vicino di casa. Dovra risarcire con 15mila euro

Molestie all'amica della figlia: 55enne condannato

Le ricerche erano in corso da ieri. La ragazzina frequenta il liceo classico Umberto a Palermo

Lascia un biglietto e va via Ritrovata a Napoli la quindicenne scomparsa

Considerato un fenomeno da ragazzino, poi gli anni di crisi e l'intuizione di Giampaolo

Djuricic, il nuovo jolly della Samp l'oggetto misterioso è diventato un crack

Una ricerca australiana svela: negli ultimi 20 anni l'uomo sta facendo danni sul 63% dei siti naturali patrimonio dell'umanità. Grave la deforestazione

Oltre 100 siti "protetti" dall'Unesco minacciati dall'impronta dell'uomo Foto

Quasi la metà degli acquirenti una casa oggi in Italia è single. E' ciò che emerge dai dati raccolti da Tecnocasa: ...

Immobiliare: il 45,8% di chi acquista una casa è single

"Bella gara dei ragazzi.Per scudetto servono ancora tanti punti"

Allegri,vinta quasi semifinale Champions

Per acquistare casa in Italia servono 6,3 anni di stipendio. E' ciò che emerge dalla ricerca effettuata ...

Casa: servono circa 6 anni di stipendio per l'acquisto

Una persona risulta indagata nell'inchiesta sui candidati 'a loro insaputa' nelle comunali 2016 a Napoli.

Candidati inconsapevoli a Napoli, c'è un indagato

Ricerca Microsoft per Internet Safer Day presentata a Roma

Il 58% giovani ha incontrato l'autore della minaccia online

Il 10 febbraio a teatro il terzo capitolo del passo a due voci dal titolo Parma (e pò pù)  

Nori e Ilari: al Tempo un inno d'amore per Parma

Qualcomm in partnership con Ericsson, Netgear e Telstra ha presentato la nuova rete per navigare a una velocità 10 volte superiore a quella attuale

Abbiamo provato il Gigabit LTE Foto internet più veloce, a un passo dal 5G

Philips Foundation con la Croce Rossa Italiana – Comitato di Milano e il Comune di Milano insieme per la prevenzione delle malattie cardiovascolari: 1000 controlli gratuiti a chi non può permetterselo

Cuore, check-up gratuiti a Milano