prima pagina cronaca politica economia calcio tecnologia salute scienza cultura costume spettacolo sport giustizia ambiente cinema e tv turismo meteo rubriche mondo curiosità motori

Cina, niente videogiochi ai minorenni da mezzanotte alle otto

Cina, niente videogiochi ai minorenni da mezzanotte alle otto

tecnologia

Per fronteggiare il fenomeno delle dipendenze scatta il blocco nei confronti dei più giovani in un paese che è il primo al mondo per consumo di videogame. E dove un giocatore su quattro è minore. Ma le strade per aggirare il divieto sono già tracciate

Cina, niente videogiochi ai minorenni da mezzanotte alle otto

PECHINO - All'Internet Café di Chen Jia Lin, scavato nella fila continua di casematte parallele ai binari del metrò rialzato di Sihui, i ragazzini che smanettano sugli scassatissimi pc neppure sanno dell'ultimo bando che il governo sta per mettere sulla testa dei cinesi: il divieto di giocherellare online dopo la mezzanotte. Per la verità il Cafè di Chen jia Lin sembra più una ridotta perduta nel tempo che l'avamposto della Cina supertecno di Tencent, Alibaba, Suning e Huawei. E probabilmente dalla politica di un altro tempo, ma qui decisamente attuale, arriva il bando per questi ragazzi costretti a mettere giù il mouse alla mezzanotte di ogni sera in punto per riaccendere il computer solo alle otto del mattino dopo. Dipendenze, le nuove forme portate dalla Rete Sì, giocare videogame a Pechino vuol dire anche questo, se hai meno di 18 anni: mettere la tua carta d'identità online, permettere allo stato di verificarla e consentire agli sviluppatori del gioco di controllarti, in modo che gli ingegneri possano così realizzare "giochi concepiti per impedire che i ragazzi diventino dipendenti - oltre a software sviluppati per smascherare l'età dei minori". Sono proprio questi inviti rivolti alle aziende e rivelati dal South China Morning Post, che è il giornale di Hong Kong recentemente acquistato, a proposito, da Alibaba, ad aver fatto scattare l'allarme nel mondo del business. No, non in difesa dei ragazzi, adesso defraudati anche delle loro fantasie online, ma degli affari che quest'anno sfioreranno appunto i 30 miliardi di dollari, facendo celebrare alla Cina l'ennesimo sorpasso sugli Usa: primo paese al mondo per consumo di videogiochi, 537 milioni di giocatori su una popolazione di un miliardo e 388 milioni, aumento del 22.1 per cento all'anno. Certo, ci sarebbe sempre quel particolare mica piccolo: un giocatore su 4 minorenne. Che fare? Se il bando può anche far sorridere, il wangyin, cioè la dipendenza da internet, in Cina è una faccenda maledettamente seria, malgrado in America l'Associazione nazionale di psichiatria consigli "ulteriori studi e ricerche" prima di includerla nella categoria dei disordini mentali. Ma un conto è la teoria dei manuali, un altro le preoccupazioni concrete dei genitori. Prendete il racconto che fa a Repubblica una mamma come Zhao Mei, 44 anni, impiegata in una compagnia giapponese qui a Pechino. Suo figlio, Xue Mingrun, 15 anni, e già al liceo, e per fortuna di questi problemi a casa non ce ne sono stati. "Però credo che molti genitori saranno favorevoli al provvedimento", dice la signora Xhao: "Qui si tratta di proteggere la sanità mentale ma anche fisica dei nostri figli, e anche di dare una mano a noi genitori". Altro che invasione dello Stato nel privato, come diremmo noi. "Piuttosto, dovevano intervenire prima, viste tutte le storie terribili di ragazzi in difficoltà per questa dipendenza: suicidi, malattie mentali". I boot camp cinesi per curare la dipendenza da internet A dire il vero, qui non è che siano mai stati con le mani in mano. Timoroso dei cattivi effetti sulla gioventù, già nell'anno 2000 il governo aveva issato il solito bando, questa volta su ogni tipo di playstation: dalla classica Sony all'Xbox di Microsoft. Così gli Internet Cafè pieni zeppi di pc sono prosperati molto più che da noi, raggiungendo la cifra incredibile di oltre 113 mila botteghe. E dando vita a un mercato che s'è sviluppato prima online e oggi soprattutto sul mobile, dove adesso cresce a ritmi ovviamente cinesi, con percentuali del 300 per cento. Come tanti proibizionismi, il divieto di console - caduto solo scorso anno - ha però avuto l'effetto contrario. Lontani da casa (dieci quindici anni fa non tutti avevano il computer di famiglia, anzi) i ragazzini si sono persi in questi Cafè dentro Starcraft o World of Warcraft, i giochi di strategia che qui, per quella tradizione che comprende anche un certo Sun Tsu, sono molto più popolari di quelli d'azione, ma non per questo meno additivi. Eccola dunque l'origine di quelle cliniche per disintossicazione tristemente famose, a volte diventate veri e propri campi di concentramento: come quella retto dal dottore militare Tao Ren, che stima addirittura in 24 milioni i cinesi, grandi e piccoli, drogati di videogiochi. Il problema è che non tutte le strutture cliniche sono professionali come quella del dottor Tao, che pure non disdegna scansione del cervello e medicamenti vari per liberare i ragazzi dall'"eroina digitale", tant'è che il governo ha dovuto mettere per iscritto il divieto di usare, bontà sua, l'elettroshock. Esperienze tragiche, parallele a quelle dei ragazzi perduti evocati dalla signora Zhao, e che in alcuni casi hanno portato perfino alla morte. Una realtà drammatica che il fotografo italiano Lorenzo Maccotta ha raccontato in un bellissimo reportage "da embedded", facendosi ricoverare come malato, rilanciato anche dalla Cnn. Dà 200 dollari alla figlia per "disintossicarsi" da Facebook Il bando ai minori, dunque, qui non è che l'ultima tappa della strategia del divieto. Del resto in linea con la politica di tutta la Cyberspace Administration of China, cioè l'organismo che governa la rete, e il cui senso di Internet Openness, di apertura, è riassunto dalla stessa homepage. Provate ad aprirla. Dopo le foto dell'onnipresente Xi Jinping spunta sì pure quella di Mark Zuckerberg in visita ufficiale, malgrado la sua Facebook in Cina sia oscurata: ma se ci cliccate sopra, anche solo per leggere la didascalia, vi si chiede la password di stato, come per tutto il resto del sito, inaccessibile... Divieti, pagine oscurate, parole d'ordine: scommettiamo che prima o poi riusciranno a bypassare anche tutto questo, bando o non bando, i ragazzini rintanati nell'Internet Café di Chen Jia Lin?  

07/02/17 06:21

repubblica

I risultati di uno studio europeo che dimostra come la ricerca può superare la resistenza al cambiamento riducendo il fenomeno. In Italia la situazione migliora con un incremento di quasi il 14% di parti spontanei tra le donne che avevano già avuto un taglio cesareo  

In Europa ogni anno almeno 160mila cesarei non necessari

I medici per i diritti umani: "Pechino provi di aver bloccato i 'prelievi' sui condannati a morte"

Traffico d'organi, vertice in Vaticano: ma è polemica sulla presenza della Cina

Sottosegretario, non una buona mossa per il settore e Genova

Nautica: Scalfarotto, Ucina ha bocciato l'accordo

Il reportage. In Italia la terapia per chi l'acquista privatamente costa 80 mila euro. Nel Paese asiatico ne bastano 600. In viaggio tra speranza e rabbia. "Perché lo Stato non ci passa la medicina che può farci guarire?" dal nostro inviato MICHELE BOCCI

Epatite C, in India con i turisti del superfarmaco video

Il paese brucia da luglio, supera Cina e Usa per emissioni CO2

Indonesia in fiamme è primo inquinatore mondiale

Per 2016 finanziati anche quattro progetti di medicina sociale

Oltre 340mila accessi per l'Inmp, l''ospedale dei poveri'

Le vittime avevano 17, 18 e 19 anni. Taxi investe moto in centro: muore un barman di 28 anni Foto

Strage sulle strade del Lazio foto Guidonia, morti 4 ragazzi. Schianto a Roma

Il governo polinesiano ha firmato un accordo con un'azienda di San Francisco per la progettazione del primo insediamento abitativo di questo tipo al mondo

La prima città galleggiante nascerà in Polinesia francese

Popolazioni in declino in 3 specie su 4, la maggioranza di gorilla, lemuri, oranghi e gibboni rischia di sparire

L'allarme: agricoltura, clima e malattie oltre la metà dei primati a rischio estinzione

La procedura nei confronti del nostro paese si riferisce ai superamenti dei limiti di biossido di azoto in sette regioni per il mancato rispetto delle norme europee

Ue, in arrivo nuovo richiamo all'Italia sulle emissioni dei motori diesel

Alai presidente Parmigiano, Illotto Pecorino,Raimondo Mozzarella

Associazione Formaggi Dop, Baldrighi confermato presidente

Le informazioni superfluee accumulate nella memoria durante il giorno si "sgonfiano" per lasciare spazio alle nuove esperienze. La nuova teoria in uno studio pubblicato su Science. E firmato da quattro italiani

Il sonno serve per cancellare ricordi inutili

Tecnologia Enea, droni sottomarini sorveglieranno anche il Mose

Pesci robot per difendere Venezia dall'acqua alta

Nel 2016 vende più del rivale, ma registra primo calo nel Paese

Apple batte 'clone' Xiaomi in Cina

Ucina non sfavorevole a nuovo evento, complementare e di sistema

Nautica: Demaria (Ucina), confermate le garanzie al Salone di Genova

Demaria "il sottosegretario ha offerto la garanzia che questo evento si svolgerà a maggio e sarà riservato esclusivamente a yacht in acqua di grandi dimensioni. Poiché non ci siamo mai sottratti al dialogo, terminata la telefonata ne ho riportato i contenuti in una nota scritta al presidente di Nautica Italiana".

Nautica: Demaria (Ucina), confermate le garanzie al Salone di Genova

Puntata sotto pressione per gli aspiranti cuochi del programma di Sky Uno HD

Masterchef, Tokyo chiama Napoli risponde

Le lancette simbolo del Doomsday 'nate' nel 1947 avanzano: lo annunciano gli scienziati del Bulletin of the Atomic Scientists

Con Trump e il clima l'orologio dell'Apocalisse più vicino alla mezzanotte

Nasa, mai così grande ad ottobre. Esperti Onu, nessun allarme

Buco dell'ozono da record, 28,2 mln km quadrati in Antartide

Mottola, oggi pensiamo di sapere tutto delle mafie ma non è così

'Camorra nostra', il legame tra clan e Cosa nostra

Ripercorre la storia della camorra, dal dopoguerra ad oggi, e per la prima volta svela il ruolo ricoperto da Cosa nostra nella nascita e nello sviluppo della mafia in Campania. É il libro "Camorra nostra" di Giorgio Mottola, giornalista di Report, edito da Sperling&Kupfer.

'Camorra nostra', il legame tra clan e Cosa nostra